17.3 C
Pesaro
martedì, Maggio 17, 2022

Roberto Brunelli

31 posts

and

0 comments
Roberto Brunelli è un collezionista forlivese, tra i più seguiti animatori del forum Finanza On Line della Brown Editore con il nickname di "investart". Ha iniziato ad avvicinarsi all’arte da bambino attraverso un’innata curiosità che lo ha guidato all’interno di una vera e propria educazione estetica, portandolo a contatto con opere realizzate da Guttuso come da De Chirico. Ha progressivamente assimilato questa passione che nel tempo è maturata in una sua collezione personale. E' autore del libro "ANNINOVANTA 1990-2015, Un percorso nell'arte italiana" edito da Gli Ori.

Un Atlante di arte nuova: Nunzio Giustozzi ci racconta Emilio Villa

Con Nunzio Giustozzi parliamo della mostra "Un Atlante di arte nuova. Emilio Villa e l’Appia Antica" in corso presso il Complesso di Capo di Bove.

Anninovanta, riscoprire chi ha valore storico-artistico per rilanciarne lavoro e percorso artistico

Proseguiamo con il critico Saretto Cincinelli la nostra riflessione sugli anni 90 italiani, periodo sottostimato e che necessita di una rilettura attenta

Anni Novanta, Di Mauro: «Nessun fenomeno artistico può essere celato in eterno»

Intervista a Edoardo Di Mauro, direttore dell'Accademia Albertina di Torino, sulla "nascita" della giovane arte italiana e gli anni Novanta.

Anni Novanta, un decennio di chiaroscuri: intervista a Ivan Quaroni

Roberto Brunelli ha incontrato Ivan Quaroni per una chiacchierata sull'indipendenza della critica d'arte e l'arte italiana degli anni Novanta.

Quale Domani per l’arte contemporanea: intervista a Demetrio Paparoni

Una pagina ogni domenica sul quotidiano Domani, un nuovo libro e l'arte degli anni Ottanta. Di tutto questo Roberto Brunelli ha parlato con Demetrio Paparoni.

Anni Novanta: dialogo con Gabriele Perretta

Intervista a Gabriele Perretta che, nella seconda metà degli anni Ottanta, teorizzò il movimento artistico del Medialismo.

Riscoprire gli anni Novanta per rilanciare l’arte italiana

L’Italia dell'arte deve e può rialzarsi ancor più forte da questa crisi. Ma per farlo deve cercare fin da subito di trasformare questa tragedia in un'opportunità. Un'occasione potrebbe essere la riscoperta e rivalutazione degli anni Novanta.

Mostre: a Rimini per riscoprire gli “Anni Novanta” con “Revolutions 1989-2019”

A distanza di 28 anni da "Anni Novanta", a Rimini si torna a parlare dell’arte italiana dell’ultimo decennio del XX secolo con "Revolutions 1989-2019: L'arte del mondo nuovo - 30 anni dopo", curata dal critico torinese Luca Beatrice.

Diario palermitano #3 | Alla scoperta di Manifesta12: City On Stage

Ed eccoci all'ultima tappa della nostra visita a Manifesta 12. La terza sezione della Biennale, City On Stage, tocca essenzialmente il concetto di Palermo città cosmopolita, delle contaminazioni che ha avuto nei secoli e di quanto abbia però saputo ricreare da esse un suo unico e caratteristico costume

Diario palermitano #2 | Alla scoperta di Manifesta12: Out of Control Room

Lasciata la prima sezione, Garden Of Flows, dirigo verso le sedi della Out of Control Room, seconda tappa della mia visita a di Manifesta12. I progetti inclusi in questa sezione tendono, agli occhi degli organizzatori, a voler rendere ciò che è astratto accessibile e aperto al dibattito, restituendo tangibilità alle reti invisibili nel regime dei flussi digitali, con particolare riferimento all'evoluzione dell’amministrazione del potere.

recenti

Neon 1981 – 2022 andata e ritorno: inaugurata la mostra al MAMbo

E' stata inaugurata, questo giovedì, al MAMbo di Bologna la Mostra “NO, NEON, NO CRY” che rimarrà aperta gino al 4 giugno. Ne abbiamo parlato con Gino Gianuizzi

Arte Fiera 2022. Ritorno al futuro

Si è aperta giovedì 12 maggio, con la preview a inviti, Arte Fiera 2022 che, in questo caldissimo maggio bolognese, ci accoglie con tutta la sua voglia di ripresa, di normalità e di dimenticare, al più presto, lockdown e quarantene.

Difficoltà e opportunità del mercato dell’arte UK a seguito della Brexit

Partendo dall’analisi delle difficoltà di natura fiscale e amministrativa causate dalla Brexit, il presente contributo si pone l’obiettivo di fornire una panoramica delle principali opportunità anche per il mercato italiano.