18.7 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

“Il dipinto di Munch ‘Dance on the Beach’ è stato nascosto ai nazisti in una foresta norvegese. Andrà all’asta per la prima volta dagli anni ’30” – Smithsonian Magazine, 23 Gennaio 2023, di Molly Enking

del

Smithsonian Magazine, di Molly Enking 23 Gennaio 2023

“Dopo aver resistito alla seconda guerra mondiale in un fienile nascosto in una foresta norvegese, un monumentale dipinto di Edvard Munch sta andando all’asta. Dance on the Beach (1906) non è in vendita da 89 anni. Il dipinto un tempo apparteneva a Curt Glaser, critico d’arte, collezionista e storico ebreo con sede a Berlino. Negli anni ’30, Glaser e sua moglie Elsa avevano accumulato una vasta collezione privata d’arte, che includeva pezzi di Munch, che era un amico personale della coppia, così come Henri Matisse, Max Beckmann e altri. 

Nel 1933, dopo che i nazisti lo costrinsero a lasciare la sua posizione di direttore della  Biblioteca statale d’arte di Berlino e sequestrarono il suo appartamento, Glaser vendette la sua amata arte e fuggì dal Paese. Alla fine si sarebbe stabilito negli Stati Uniti, dove morì nel 1943.

Mesi dopo la fuga di Glaser, molti dei pezzi di Munch finirono nelle mani di Thomas Olsen, un magnate delle spedizioni norvegesi e vicino di casa di Munch, secondo Anny Shaw di The Art Newspaper. Olsen comprò Dance on the Beach e altre opere a un’asta di Oslo.

Nel 1940 la Germania  invase e occupò la Norvegia. I nazisti avevano incluso Munch tra gli artisti  banditi come “degenerati”,  quindi la famiglia Olsen nascose Dance on the Beach, una prima versione di The Scream e altri lavori di Munch in un fienile nella foresta per tenerli fuori dalle mani dei nazisti, come riporta The Observer.

“Questo lavoro è tra i più grandi capolavori espressionisti rimasti in mani private: il suo sconvolgente impatto emotivo rimane potente oggi come nel 1906”, afferma Simon Shaw, vicepresidente di Sotheby’s New York, in una dichiarazione.

L’enorme opera d’arte presenta un colorato paesaggio norvegese pieno di figure danzanti vorticose. Due donne in primo piano rappresentano due delle storie d’amore di Munch – Tulla Larsen e Millie Thaulow – entrambe finite con il cuore spezzato, secondo Sotheby’s. 

“La prima è stata una relazione turbolenta che sarebbe poi finita, e la seconda era la moglie di suo cugino e il primo amore di Munch”, dice Simon Shaw a The Observer.

Questo fregio monumentale è stato creato come parte di un’installazione immersiva unica nel suo genere nel 1906 presso il famoso teatro d’avanguardia del regista Max Reinhardt a Berlino. Dodici enormi tele sono state installate sulle pareti, circondando gli spettatori e “immergendoli in ciò che l’artista chiamava ‘immagini della psiche moderna’”.

Dance on the Beach è l’unica parte della serie di proprietà privata. Il resto è ospitato nei musei di tutta la Germania.

Il 1° marzo, il pezzo sarà venduto a  un’asta di Sotheby’s  a Londra, dove si prevede che raggiungerà tra i 15 e i 25 milioni di dollari. Come parte di un accordo di restituzione, i proventi dell’asta saranno divisi tra i discendenti delle famiglie Olsen e Glaser.

“Questo eccezionale dipinto è reso ancora più speciale dalla sua straordinaria provenienza, una storia che si è sviluppata da quando è stato dipinto 115 anni fa”, afferma Lucian Simmons, vicepresidente di Sotheby’s e responsabile mondiale della restituzione, nella dichiarazione della casa d’aste. “Intrecciate nella storia di questo dipinto ci sono due famiglie, entrambe importanti mecenati di Munch.”

Nel frattempo, il Kunstmuseum Basel in Svizzera espone 200 opere della collezione di Glaser, acquistata subito dopo la sua fuga dalla Germania. Nel 2020, il museo ha raggiunto un accordo di restituzione con i discendenti di Glaser: l’arte rimarrà nel museo in cambio di un compenso finanziario e di una mostra speciale che celebra l’eredità di Glaser.”

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Le aste di Hong Kong di maggio 2024: un’analisi dei risultati

Le recenti aste tenutesi a Hong Kong nel maggio 2024 hanno offerto uno spaccato significativo del mercato dell'arte asiatico, evidenziando sia successi che delusioni.  Le principali case d'asta,...

Asta Pandolfini: un viaggio tra grandi maestri e tendenze artistiche

La casa d'aste Pandolfini torna ad animare il panorama artistico milanese con un'asta dedicata all'arte moderna e contemporanea, in programma per il 19 giugno...

Il restauro delle opere d’arte, nella prospettiva del diritto

Prima parte Nell'ambito del diritto dell'arte, il tema del restauro delle opere riveste un'importanza cruciale, ponendo al centro della riflessione una serie di questioni di natura...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!