26.3 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

La bolla delle Cryptovalute. Cosa accadrà?

del

Nonostante la crisi delle criptovalute nel 2022, musei, gallerie e istituzioni continuano a  includere arte digitale e NFT nelle loro collezioni e mostre. Gli NFT non salveranno né distruggeranno il mondo, ma la crisi nel loro mercato non ha impedito importanti riflessioni sul sistema dell’arte contemporanea, crypto e non, rivelando urgenti revisioni in entrambi gli ambienti. Inoltre, è anche attraverso molti nuovi marketplace che si stanno facendo strada tanti cambiamenti su questioni come cambiamento climatico, discriminazioni di genere e Sud Globale. Se, fino ad oggi, abbiamo assistito a una collisione di valori e pratiche tra questi due sistemi, solo apparentemente diversi e separati, ora il crescente coinvolgimento dei protagonisti del sistema dell’arte attiva un dibattito finalmente meno incentrato soltanto sulla denigrazione o sul potenziale di mercato degli NFT. 

Ecco cosa dice Charlotte Kent nel suo articolo apparso su ArtReview il 20 Gennaio 2023:

“Gli NFT non salveranno il mondo, né lo distruggeranno, ma le crepe nel suo mercato rivelano revisioni critiche
necessarie, sia nel sistema dell’arte tradizionale che nel mondo della Crypto-art.
Nell’ultimo anno, la collisione tra arte e NFT è stata ampiamente discussa in termini di vendite, soprattutto dato il continuo
calo dei valori delle criptovalute, ma i dibattiti più interessanti sono stati sull’impatto che ciascuna ha avuto sull’altra. I
dibattiti nel mondo dell’arte che si sono svolti negli ultimi 60 anni – sul compenso degli artisti, la critica d’arte, l’estetica
contemporanea e come contestualizzarla storicamente, l’impegno istituzionale con l’arte digitale, l’azione collettiva, i centri e
i margini dell’arte e le preoccupazioni ecologiche – sono stati tutti rivisitati nel contesto di questa tecnologia emergente. La
tecnologia blockchain valorizza una pratica di mercato decentralizzata e più equa, introducendo una serie di ideologie in
linea con molte preoccupazioni dell’arte contemporanea, sfidando anche determinate pratiche. Ma quando i protagonisti
del mondo dell’arte hanno affrontato questi problemi, hanno introdotto un discorso intriso di storia e teoria, per criticare le
facili affermazioni verso un modello migliore offerto dagli NFT. La collisione, quindi, ha offerto una lente critica su
entrambi.


Se l’esplosione di criptovalute e NFT del 2021 ha reso popolare l’ideale di un mercato decentralizzato e senza intermediari
per la cultura digitale, il potere degli attori del mercato NFT è diventato evidente nel 2022. Uno dei mercati più utilizzati,
Open Sea, ha bandito due raccolte che imitavano Bored Ape Yacht Club e la collezione Meta Birkin alla fine del 2021 per
potenziali violazioni della proprietà intellettuale, e le successive cause legali hanno prefigurato la regolamentazione in corso a
livello internazionale. Gli NFT – bit di codice che forniscono un ID univoco a un artefatto digitale in modo tale che possa
essere distinto da altre versioni potenzialmente duplicate – rendono possibile l’automazione dei pagamenti di rivendita,
dei parametri di vendita e di altre nuove funzionalità. Nell’aprile 2020, guidato dall’ex pittore e generative artist Matt
Kane, molti crypto-artisti hanno stabilito con successo una royalty di rivendita del 10% su Super Rare che è diventata
standard su tutte le piattaforme NFT. Comprensibilmente, molti hanno protestato, quindi, Sudoswap, marketplace lanciato
nato nel 2022, si è presentato senza un quadro di royalty, portando a un dibattito riguardo il supporto della piattaforma.
Questa frammentazione del supporto per i diritti d’autore ha ramificazioni in tutto il mondo dell’arte, poiché nuove aziende
come Fairchain e Arcual cercano di abilitare i certificati digitali e il pagamento per le vendite secondarie di opere fisiche.
Il calo del valore delle criptovalute, e l’esodo verso i cosiddetti collectibles, in molti si chiedono se l’epoca delle opere
d’arte NFT sia finito. Ma il flusso costante di progetti e di discorso critico all’interno del settore rivelano un nuovo
livello di attenzione nella scena artistica degli NFT. Due riviste online lanciate all’inizio del 2022, Outland e Right Click
Save , guidate da ex redattori di affermate riviste del mondo dell’arte (Brian Droitcour di Art Net per Outland e Alex
Estorick di Flash Art per Right Click Save), sviluppano un discorso intellettuale per questi progetti di arte digitale che i
media mainstream non sono stati in grado di articolare. Criticando progetti di artisti riconosciuti e stelle nascenti, hanno
affrontato i dibattiti culturali e teorici all’interno del panorama artistico e NFT.


Sta lentamente emergendo inoltre uno stile formale e iconografico che probabilmente guiderà il modo in cui questi
artefatti digitali si inseriscono nel discorso artistico. Nel 2022 l’arte generativa diventa il non plus ultra dell’arte
digitale. Incorporando parte del processo crittografico nel suo codice creativo, l’arte generativa è vista come un output
artistico nativo della blockchain, in contrasto con così tanto lavoro svincolato dal suo contratto sulla
blockchain; piattaforme come Art Blocks o Fxhash si concentrano esclusivamente su questa pratica.
Una conseguenza di ciò è stato il rinnovato interesse per i pionieri della computer art algoritmica degli ultimi 60 anni,
come Vera Molnár, Manfred Mohr, Harold Cohen e Herbert Franke (che si è unito a Twitter a novantaquattro anni, per
essere inondato da oltre 15.000 fan al suo primo messaggio), che sono diventate celebrità inaspettate. Questi artisti hanno
goduto di mostre museali e istituzionali nell’ultimo anno, fornendo una storia di estetiche e pratiche precedentemente
emarginate.


Nel frattempo, i musei hanno mostrato interesse accademico sulla possibilità di NFT, con il MoMA e la Buffalo AKG (ex
Albright-Knox Gallery), recentemente rinominata, con un’asta di beneficenza Peer to Peer. Le gallerie commerciali hanno
incluso NFT artists nella loro scuderia, in particolare quando Pace ha lanciato una partnership con Art Blocks a giugno. La
blockchain di Tezos aveva percorsi che si snodavano oltre lo stand per la loro serie di talk sugli NFT durante l’Art Basel di
questa estate, e le gallerie online basate su NFT come Feral File ed Epoch sono al loro secondo anno, lodate dalla critica per
gli spettacoli curati che si elevano al di sopra del miscuglio di piattaforme.


Noti partecipanti del mondo dell’arte come Chris Lew, Dominique Lévy e Nato Thompson sono coinvolti con studi di
sviluppo – come Outland, Dminti o Artwrld (rispettivamente) – per aiutare gli artisti in questo nuovo regno, spesso
chiamato Web3 per il modo in cui cerca di interrompere la scatola nera centralizzata pratiche di Web2, l’internet
partecipativo esemplificato dall’estrazione di dati dai social media a scopo di lucro aziendale. A luglio Christie’s ha
annunciato al suo Art & Tech Summit annuale, incentrato quest’anno sulla blockchain, che stava lanciando un fondo per
supportare le imprese artistiche impegnate in tecnologie emergenti come la blockchain. L’impegno istituzionale non è più
in discussione. Sono emerse «organizzazioni autonome distribuite» – «Distributed Autonomous Organisation» – DAO che
sposano la comunità attraverso un meccanismo di voto decentralizzato e distribuito abilitato da token associati alla DAO,
sebbene spesso si siano trasformate in cricche di popolarità o società di investimento. I contributori associati alla galleria
londinese Furtherfield hanno presentato cinque anni di ricerca sulle DAO come meccanismo per il sostegno reciproco
nelle arti in Radical Friends: Decentralized Autonomous Organizations and the Arts , una provocazione necessaria sia per chi
sostiene sia per chi boccia la blockchain.


La tecnologia si sta diffondendo in tutte le industrie, ma la sua interruzione all’interno dell’arte significa anche che gli
artisti stanno riflettendo sulle sue implicazioni e fornendo casi di studio visivi che ne articolano possibilità e
problemi; l’artista Jonas Lund continua il suo Jonas Lund Token (2018–), in cui i partecipanti possono votare i progetti che
l’artista produrrebbe, distribuendo così il controllo sulla sua pratica artistica; Unicorn DAO è una comunità di collezionisti
attenti agli artisti LGBTQ+ nello spazio NFT, proprio come accade nel mercato dell’arte mainstream.
Data la sua rete basata sul web, gli NFT erano percepiti come un livellamento del mercato, ma i rapporti hanno smentito
tale ipotesi. I prezzi diversi per le artiste donne sono diventati un problema sempre più ovvio, con progetti
come Unsigned (2022) che lavorano per aumentare la consapevolezza dei pregiudizi inconsci nelle pratiche di acquisto. Il
Suddel mondo rimanedolorosamente ignorato, con rare sovrapposizioni con le scene nordamericane edeuropee.
Gruppi di artisti come Crypto Argentina o Africa Here mirano ad aumentare l’interesse e le opportunità per gli artisti le cui
vendite hannoun’importanza significativa per le loro comunità native.


Infine, la questione dell’impatto ambientale della blockchain più utilizzata, Ethereum, è stata messa a tacere quando ad
agosto è passata dalla »proof of work” alla “prof of stake” a impatto ambientale ridotto). Con l’effetto ecologico degli
NFT ora sotto controllo, l’ipocrisia del mercato dell’arte tradizionale che ignora il suo impatto sul carbonio diventa più
evidente.


Gli NFT non salveranno né distruggeranno il mondo, ma la crisi nel suo mercato non ha impedito le riflessioni sul
sistemadell’arte contemporanea crypto e non, rivelando urgenti revisioni necessarie in entrambi gli ambienti. Se, fino ad
oggi, abbiamo assistito a una collisione di valori e pratiche tra di essi, ora il crescente coinvolgimento dei principali
attori, con le reciproche istituzioni coinvolte, attiva un dibattito meno incentrato sulla denigrazione o sul potenziale di
mercato: un dibattito più creativo insomma è apprezzato da entrambe le parti”

Tradotto dall’articolo originale: The Crypto Bubble’s Burst. What Will Happen to the NFT Artworld? – ArtReview

Collezione da Tiffany
Collezione da Tiffany
Nato il 5 giugno del 2012 da un’idea del giornalista e storico della critica d’arte Nicola Maggi, Collezione da Tiffany è il primo Blog italiano interamente dedicato al collezionismo d’arte contemporanea.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Memorie di un collezionista

"Le cose che più desideriamo, e poi acquistiamo, finiscono sempre per scivolarci dalle mani" scrive nel suo libro Pierre Le-Tan, pittore e illustratore anche per il New Yorker, forse...

Un’estate tra festival d’arte e mostre

Il mondo dell'arte non si ferma mai. Neanche d'estate, quando la bella stagione dà l'opportunità di alternare mostre in galleria ad eventi all'aria aperta dedicati all'arte contemporanea.

Imperdibile asta di arte moderna e contemporanea di Cambi

Domani, mercoledì 3 luglio, alle ore 15.00, Milano sarà il palcoscenico di un evento straordinario: l'asta di arte moderna e contemporanea organizzata dalla prestigiosa...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!