26.9 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

Gallerie d’arte: le mostre di febbraio da mettere in agenda

del

Archiviato il primo mese dell’anno è tempo di dare uno sguardo alle mostre che le gallerie d’arte italiane hanno inaugurato in questi giorni e che resteranno visibili almeno per tutto febbraio. Iniziamo da Milano dove Osart Gallery propone Behind the Walls, la prima personale italiana dell’artista sudafricano Feni Chulumanco (1994), con un corpus di opere che racchiude temi e valori che hanno già contribuito a regalargli visibilità in patria.

Il giovane artista autodidatta racconta una storia di orgoglio e isolamento, dove prova ad evadere dalla sua “zona di s-comfort”, rappresentata visivamente sia dalla teca in vetro nella quale incapsula i suoi soggetti, sia dalle mura dello scenario domestico all’interno del quale ambienta i suoi dipinti.

Una delle opere di Alekos Fassianos prossimamente in mostra alla Galleria Tommaso Calabro di Milano

A oltre quarant’anni dall’ultima mostra dedicata a Milano all’artista greco Alekos Fassianos (1935-2022), la Galleria Tommaso Calabro ne presenta una monografica in apertura l’11 febbraio. Più di quaranta dipinti e una selezione di pezzi di design raccontano l’arte, il colore e l’immaginario mitico di Fassianos dalla fine degli anni Sessanta fino a pochi anni prima della sua scomparsa. 

Victoria Stoian, Nistru Confines 182 km – 2017, acrilico su tela, 100×135 cm

In questi giorni a Verona, negli spazi di Studio la Città, hanno aperto al pubblico tre mostre: Come code di lucertole di Luigi Carboni che presenta 13 nuove tele in cui procede ad una ridefinizione del concetto di disegno, di schizzo, una tecnica spesso reputata ausiliaria, ma che qui diventa dominante; CodNis di Victoria Stoian che comprende una serie di lavori intimamente legati al suo passato e alla sua terra d’origine: la Moldavia, sconvolta sia da violente catastrofi naturali, che da drammatici fatti politici. Infine, Eclissi e riflessi. La rivoluzione di Aristarco di Antonio Marchetti Lamera che propone per l’occasione 4 dei suoi lavori più recenti, in cui l’ombra, elemento imprescindibile di tutte le sue opere, è questa volta adoperata per indagare il rapporto tra tempo umano e tempo cosmico. 

Greta Schödl, Senza titolo, 2022, inchiostro e foglia d’oro su marmo, 36 x 12 x 9,5 cm

Sempre a Verona, La Giarina Arte Contemporanea, dall’11 febbraio presenta: Fluxidea, che mette in dialogo il lavoro di Andrea Bianconi, artista ormai consacrato a livello internazionale, e un gruppo di Fluxartisti storici che hanno sempre predicato l’essenzialità dell’irriverenza e dell’assurdo per comprendere il mondo attorno

Al centro del progetto espositivo, l’ultimo lavoro di Bianconi, il suo Manuale per esercitare la propria stupidità dedicato all’ebetudine voluta e ricercata come forma di reazione alla violenza della ragione (di stato o meno), che sta diventando un libro indispensabile per riflettere sulla funzione dell’arte.

Curata da Valerio Dehò, Fluxidea è quindi una mostra che rivela la coscienza “storica” di un artista contemporaneo come
Andrea Bianconi e la contemporaneità di artisti storicizzati come i Fluxus.

Andrea Bianconi, Manuale per esercitare la propria stupidità, 2022 (Skira editore)

A Bologna, LABS Contemporary Art presenta Il segno traccia del nostro vissuto, personale di Greta Schödl a cura di Silvia Evangelisti, che proseguirà fino all’11 marzo. La mostra, organizzata nell’ambito di ART CITY Bologna 2023 in occasione di ARTEFIERA, è costituita da una selezione di opere inedite. Il lavoro di Greta Schödl incorpora lettere e simboli, ripetuti ritmicamente fino a renderli astratti.

Forme geometriche e segni decisi si intrecciano con le parole, illuminate con foglia d’oro e fuse su diverse superfici: pagine di libri botanici, mappe, carte, foglie, pezzi di marmo, lenzuoli, che portano memoria di esistenza passata. Attraverso la combinazione di rappresentazione linguistica e visiva, Schödl cancella il significato originale delle parole e degli oggetti che usa impregnandoli di un nuovo significato. Il suo lavoro sfida i costrutti sociali del linguaggio e suggerisce forme alternative di espressione e interpretazione.

SIMONE MARTINETTO – From “Unexpected Cinema” series SIMONE MARTINETTO – Foto tratta dalla serie “Unexpected Cinema”

Sempre a Bologna, all’interno del programma di Art City, segnaliamo Cinema interiore, personale di Simone Martinetto curata da Maria Chiara Wang all’interno degli spazi di Studio Cenacchi Arte Contemporanea.

L’esposizione, che rimarrà aperta fino al 4 marzo, comprende due ricerche fotografiche dell’autore. Nela prima, Unexpected Cinema, vi è un ribaltamento di prospettiva: gli scatti selezionati ritraggono quelle “presenze -fantasma”, persone e oggetti, che animano la macchina del cinema restando solitamente nell’ombra e rendendola possibile.

Nella seconda, invece, intitolata I Shut My Eyes in Order to See, la visione diventa interiore, si tra sforma in contemplazione, in silenzio, il ritmo rallenta, le immagini si quietano, diventano paesaggi della mente.

Anne e Patrick Poirier, Apoptosi, exhibition view. Foto Francesco Rucci

Ancora a Bologna, che con il ritorno di Arte Fiera alle date tradizionali diventa questo mese il cuore della proposta artistica italiana, Studio G7 presenta, fino all’8 aprile, Apoptosi, nona mostra personale degli artisti Anne e Patrick Poirier. Il duo francese ritorna negli spazi della galleria con un progetto multiforme che intende soffermarsi sulla profonda questione che ne anima la ricerca artistica sin dagli esordi.

Quella costante riflessione sugli effetti rovinosi del tempo, infatti, innesca ancora una volta il bisogno di rivolgersi al passato e alla storia per riflettere sulla memoria collettiva, nel tentativo di comprendere il mondo fisicamente percepibile in relazione alla dimensione dell’inconscio.

Rudi Ninov – Untitled (pass the Jinn) 2019, ceramic, 147 x 69 x 48 cm. Photo: Ela Bialkowska, OKNO Studio

Arriviamo in Toscana dove, a San Gimignano, la Galleria Continua ha da poco inaugurato due nuove mostre: Sbilenco, nuova personale di Ornaghi & Prestinari, tra i più interessanti rappresentanti della giovane generazione di artisti italiani, e Writing Paintings, mostra personale dell’artista bulgaro Rudi Ninov.

Interessantissima new entry nella squadra della galleria toscana, Ninov, che lavora con pittura e scultura ‘traducendo’ i suoni in forme e colori, presenta una serie di lavori che si trovano a cavallo tra opacità e leggibilità. L’artista crea uno spazio di gioco in cui vengono esplorati diversi mezzi e materiali e dove i suoi lavori possono essere meglio percepiti non come corpo unico di opere ma come piccoli episodi visivi, divisi dalle caratterizzazioni architettoniche dello spazio.

Vittorio Corsini, Neither inside nor outside, 2023

Sempre in Toscana, a Pistoia, la Galleria ME Vannucci presenta la mostra Non odiarmi di Vittorio Corsini con le ultime opere realizzate dall’artista toscano, tra le quali una grande installazione che occupa la sala principale della galleria: Neither inside nor outside, che riproduce la pianta di un’abitazione. Sul perimetro alcuni mobili attraversano e rompono l’accerchiamento delle pareti.

Il disegno, che poi è ciò che lega il progetto, è in qualche modo manomesso, perché vivere, incontrare, muoversi nello spazio significa, per l’artista, cambiare in continuazione il progetto, significa abbracciare la mobilità, lasciare le certezze della stabilità, avventurarsi nell’abbraccio. Una riflessione, come sempre quella di Corsini, sull’intensità e la potenza delle relazioni umane, sul valore degli scambi e degli incontri fra le persone e ogni casa è il frutto, l’oggettivazione di questi incontri, questi cambiamenti.

Un lavoro di Luca Grechi. Courtesy: l’artista.

Spostandoci a Roma, la galleria Richter Fine Art ospita la nuova mostra personale di Luca Grechi, Il nervo, con una nuova serie di dipinti e disegni, in mostra fino al 10 Marzo, che rappresentano l’ultimo periodo evolutivo dell’artista. Con il titolo “Il nervo”, l’artista intende un momento di ascolto.

Quella sensazione tipica, soprattutto durante l’infanzia o in adolescenza, quando si inizia a sentire quel brio anatomico in alcuni punti nervosi del corpo, quell’attimo in cui il corpo risponde a determinati stimoli. Quel brio emotivo oltre che anatomico si rispecchia nel modo di fare di Grechi nel momento di risoluzione, di passaggio, legato normalmente al problema pittorico ed estetico.

Marco Lanza, Ricreazione #1

Restando sempre nella capitale, Noema Gallery dà il via alla stagione espositiva 2023 con la nuova mostra fotografica Ricreazione di Marco Lanza a cura di Chiara Dall’Olio, visitabile fino al 25 febbraio.  Il progetto espositivo di Marco Lanza, nato dall’acquisto di migliaia di fotografie vernacolari sciolte, si è sviluppato con l’osservazione di ogni singola immagine.

Lanza ha tagliato le fotografie attraverso una mascherina di plexiglas rettangolare o quadrata e ricomponendole, ha ricavato nuove opere, letteralmente estratte dagli originali. Una rilettura che agisce sulla materia modificandola per sempre. Una ricreazione che si compie sia sulla parte selezionata che su quella che resta, apparente scarto che diviene un’opera aperta, dotata di infinite possibilità interpretative.

Anselm Kiefer, Voglio vedere le mie montagne – für Giovanni Segantini, 2010-2021

Infine, il prossimo 12 febbraio, la Galleria Lia Rumma di Napoli inaugura: Voglio vedere le mie montagne – für Giovanni Segantini, la nuova mostra personale di Anselm Kiefer, che segna il ritorno dell’artista in città.

Il titolo della nuova serie di dipinti presentati in mostra, ripreso dalle parole pronunciate dall’artista Giovanni Segantini poco prima di morire, rimanda anche ad un’opera di Joseph Beuys, che Kiefer incontra negli anni di formazione all’Accademia di Düsseldorf. Ma per Kiefer: “Il titolo spesso non è la spiegazione dell’immagine, ma è piuttosto un’allusione”.

Al pari di molte altre sue opere, ispirate a versi di poeti amati, a mitologie e leggende di ogni cultura e latitudine, e perciò ricche di suggestioni e risonanze liriche ed epiche, in questo caso l’artista dà vita ad un poetico e struggente paesaggio di cime e di vette che trascendono quelle tanto amate dal pittore simbolista Segantini. 

Nicola Maggi
Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany il primo blog italiano dedicato al mercato e al collezionismo d’arte contemporanea. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura. Nel 2019 e 2020 ha collaborato al Report “Il mercato dell’arte e dei beni da collezione” di Deloitte Private. Autore di vari saggi su arte e critica in Italia tra Ottocento e Novecento, ha recentemente pubblicato la guida “Comprare arte” dedicata a chi vuole iniziare a collezionare.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Le aste di Hong Kong di maggio 2024: un’analisi dei risultati

Le recenti aste tenutesi a Hong Kong nel maggio 2024 hanno offerto uno spaccato significativo del mercato dell'arte asiatico, evidenziando sia successi che delusioni.  Le principali case d'asta,...

Asta Pandolfini: un viaggio tra grandi maestri e tendenze artistiche

La casa d'aste Pandolfini torna ad animare il panorama artistico milanese con un'asta dedicata all'arte moderna e contemporanea, in programma per il 19 giugno...

Il restauro delle opere d’arte, nella prospettiva del diritto

Prima parte Nell'ambito del diritto dell'arte, il tema del restauro delle opere riveste un'importanza cruciale, ponendo al centro della riflessione una serie di questioni di natura...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!