3.1 C
Pesaro
lunedì, Gennaio 24, 2022

Sotheby’s Italia: record per Mario Schifano durante la Contemporary Art | Milan

del

Finale di stagione con sorpresa per l’arte italiana che dopo esser tornata a far molto bene sulle principali piazze internazionali incassa un primato quasi inaspettato: l’opera seminale di Mario Schifano Cartello del 1960, è stata infatti venduta, durante la Contemporary Art | Milan di Sotheby’s per la cirfra record di 1.041.000 euro (850.000 euro senza i diritti). 

L’opera, uno dei primissimi “monocromi” prodotti dall’artista, tornava sul mercato dopo 50 anni ed era uno dei lotti di punta dell’asta milanese che si è chiusa con un totale di 9.639.160 euro, centrando a pieno le aspettative pre-vendita e superando del +23% il risultato dello scorso anno. Oltre ad aver avuto il 65% dei lotti aggiudicato sopra la stima più alta.

Il nuovo record di Mario Schifano arriva a distanza di tre anni dal precedente, realizzato l’11 aprile 2019 con la vendita, sempre da Sotheby’s, del lavoro Con Anima del 1965 che fu venduto per 972.500 euro (800.000 euro senza diritti). Dopo l’inevitabile rallentamento del 2020 il mercato dell’artista sta tornando a crescere ed oggi, stando alle analisi di artprice.com, 100 euro investiti nel 2000 per un’opera di Schifano valgono in media 204 € (+ 104%). 

 

Lotto 29 – Gino Severini, Tango argentino, 1913. Courtesy: Sotheby’s

Tra gli altri protagonisti della vendita di Sotheby’s: Alighiero Boetti. Tra le sue opere in catalogo, Aerei, una rara biro rossa tra le più grandi mai realizzate, è stata venduta per 980.500 euro. E molto bene è andata anche l’altra biro in asta:  Il dolce far niente, del 1975, che ha superato la stima massima passando di mano per 557.000 euro, mentre Lavoro postale (permutazione) ha raggiunto 375.500€, stabilendo un nuovo record per un’opera della serie.

Ottima performance anche per la rara Superficie bianca di Enrico Castellani al lotto 5 che ha quasi raddoppiato la sua stima minima per essere venduta a 239.400 euro. Mentre il pastello futurista del 1913 di Gino Severini, Tango argentino, è stato venduto per 835.300 euro. Bene anche il Concetto spaziale, Attese di Lucio Fontana proveniente da una collezione giapponese che ha realizzato 799.000 euro.

Nicola Maggi
Giornalista professionista e storico della critica d'arte, Nicola Maggi (n. 1975) è l'ideatore e fondatore di Collezione da Tiffany. In passato ha collaborato con varie testate di settore per le quali si è occupato di mercato dell'arte e di economia della cultura.
Condividi
Tags

recenti

“Il collezionismo è anche istinto”: intervista a Lorenzo Perini Natali

La sua raccolta è in continua espansione e sogna un giorno di poterla condividere con il pubblico.

Arte Fiera, le nuove date: 13-15 maggio 2022

Arte Fiera ha annunciato, questa mattina, le nuove date della sua quarantacinquesima edizione

Crypto Art: nasce a Milano l’Art Innovation Gallery

Nasce in Italia la prima galleria d'arte digitale che non ha una sede fisica e che cambia il modo di esporre le opere d'arte

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here