19.1 C
Pesaro

dal 2012 il primo blog dedicato al collezionismo d'arte.

“Garanzie, prelievi e miliardari che fanno offerte nelle proprie case d’asta: il mercato in calo se la cava, con un aiutino dei suoi amici… Non lasciatevi ingannare dai prezzi di vendita più alte che mai: il mercato si sta indebolendo” – The Art Newspaper, 20 gennaio 2023, di Scott Reyburn

del

The Art Newspaper, 20 gennaio 2023 di Scott Reyburn

” “La schiuma sta iniziando a uscire fuori dal mercato” ha dichiarato Stephen Brooks, amministratore delegato di Phillips, in un commento ampiamente citato dopo l’asta serale del XX secolo a New York a novembre. La vendita di 44 lotti ha raccolto $ 138,9 milioni, in calo del 39% rispetto al record di $ 224,9 milioni ottenuto da 36 opere all’effervescente asta equivalente di Phillips a maggio.

Una preponderanza di lotti venduti entro le stime di prevendita da Phillips ha segnalato “un ammorbidimento dei prezzi» secondo Barron’s, pubblicazione sorella del Wall Street Journal. Questa è stata anche la conclusione dell’analista londinese ArtTactic, il cui report sulla stagione di novembre 2022 di New York ha concluso che nonostante le vendite record, ci sono segnali che il mercato dell’arte moderna e contemporanea di fascia alta è meno vivace di 12 mesi fa”.

Quindi le vendite erano più alte che mai, ma il mercato si stava indebolendo?

Questi paradossi, così tipici dell’ottica da Alice nel Paese delle Meraviglie del mondo dell’arte, non sono state affatto sorprendenti all’indomani del record di $1,6 miliardi raggiunto a novembre all’asta in due parti della collezione Paul G. Allen di Christie’s.
Ma l’asta con il maggior incasso della storia è stata un’anomalia statistica, da cui non si dovrebbero trarre conclusioni sullo stato attuale del mercato. Molto più rappresentativa è stata quella di Phillips tenutesi la settimana successiva. Questi sono i generatori regolari di fatturato della casa Big Three. Ma questa volta non è andata come previsto. Le aste serali di Sotheby’s, Christie’s e Phillips in queste categorie hanno raccolto un aggregato di $ 1,1 miliardi con commissioni, contro $ 1,5 miliardi a maggio e $ 1,3 miliardi a novembre precedente (Pi-eX). “Queste vendite sono state contenute”, afferma Christine Bourron di Pi-eX. “Se guardi a queste aste in modo tradizionale, sembra che siano andate molto bene. C’erano pochissimi lotti invenduti. Ma se si dimenticano quelli, questa è stata la peggiore performance dal 2008″, aggiunge Bourron, riferendosi alle vendite di novembre tenutesi a seguito della dichiarazione di fallimento di Lehman Brothers. Quella serie equivalente 14 anni fa ha incassato solo $ 610 milioni con un notevole 40% dei 347 lotti che non sono stati venduti. A novembre, solo il 7% dei 252 lotti offerti è stato acquistato.

Nel novembre 2008 nessuna delle opere risultava tutelata da garanzie di terzi. A novembre, il 42% dei lotti era stato effettivamente prevenduto a garanti esterni, con un livello di fallimenti di gran lunga inferiore. Inoltre, le case d’asta sono diventate molto più abili nel ritirare i lotti che non suscitano interesse, piuttosto che lasciarli “bruciare” in un’asta pubblica. In termini di tassi di vendita, le aste di fascia alta di oggi sembrano andare bene. Tuttavia, Pi-eX rivela che quest’ultima serie di novembre ha registrato il più piccolo bottino dal 2008. In altre parole, un’enorme quantità di opere a novembre è stata venduta per un’offerta ai loro garanti.

Alla suddetta asta di Phillips, ad esempio, tutti e dieci i lotti più costosi sono stati venduti entro le aspettative, sette per prezzi di aggiudicazione pari o inferiori alla stima minima. Jean-Michel Basquiat, Mark Bradford, Julie Mehretu, René Magritte e Alexander Calder, con stime basse che vanno da $ 3,5 milioni a $ 7 milioni – sono stati sostenuti da terze parti.
Una scrematura, un raffreddamento, una correzione – chiamatela come volete – nella fascia più alta del mercato dell’arte non è stata una sorpresa dato lo stato dell’economia in generale. A metà novembre, nove mesi dopo l’invasione russa dell’Ucraina, l’indice S&P 500 delle azioni statunitensi è sceso di oltre il 17% nell’anno, l’indice Nasdaq Composite delle azioni tecnologiche è sceso del 28%, Ethereum, la criptovaluta utilizzata per la maggior parte degli NFT transazioni, in calo del 62%. Nel frattempo, l’inflazione nelle principali economie occidentali era tipicamente salita a livelli compresi tra l’8% e il 12%, innescando aumenti dei tassi di interesse, rendendo il debito più costoso.

“I clienti mi hanno detto che i loro investimenti sono diminuiti fino al 20% nel corso dell’anno”, afferma Clayton Press, collezionista e consulente con sede nel New England, che insegna storia dell’arte alla New York University. “Si tratta di una diminuzione significativa. Rende le persone più caute e le persone si preoccupano in branco.
Ancora una volta, il mercato dell’arte, piuttosto che essere completamente separato dall’economia in generale, come sperano tutti coloro che lavorano nel settore, si è rivelato un indicatore di ritardo. Nel 1991, in seguito allo scoppio della bolla economica giapponese e all’invasione irachena del Kuwait, le vendite all’asta globali sono diminuite di uno sbalorditivo 62%, secondo i dati forniti da Rachel Pownall, professore di finanza all’Università di Maastricht. Ma meccanismi recentemente inventati come le garanzie di terze parti aiutano a garantire che i crolli del mercato dell’arte di oggi non siano così evidenti. Collezionisti e commercianti offrono garanzie nella speranza di acquistare l’opera a condizioni vantaggiose o, se l’asta continua, di condividere una fetta del rialzo.

È stato a lungo presunto che François Pinault, proprietario di Christie’s, sia stato l’acquirente delle opere alle sue stesse aste. The Art Newspaper, in collaborazione con altri media, ha recentemente rivelato fino a che punto Patrick Drahi, il miliardario francese proprietario di Sotheby’s, ha sostenuto le vendite dell’azienda di cui è proprietario. Le e-mail hackerate, relative ai tentativi di Drahi di aggirare il pagamento dell’IVA svizzera al 7,7%, hanno rivelato che possiede opere d’arte del valore di oltre 750 milioni di euro. Almeno 25 delle opere sono state acquistate da Sotheby’s. Tra questi c’è la Madonna del Rosario con angeli di Giovanni Battista Tiepolo(1735). Questo era stato il miglior lotto di Sotheby’s nel gennaio 2020 a New York, venduto a un prezzo di $ 17,3 milioni con commissioni, essendo stato garantito da Sotheby’s senza il supporto di terzi. Il Tiepolo potrebbe essere visto in mostra alla Moretti Fine Art di Londra questo autunno. Fabrizio Moretti, direttore della concessionaria, ha confermato a The Art Newspaper che il dipinto era in vendita, ma non ha voluto divulgare il prezzo.

Queste rivelazioni sulle attività di acquisto di Drahi ei suoi tentativi di aggirare le tasse spostando i suoi acquisti dalle sue residenze svizzere offrono una visione rara e, per alcuni, poco edificante di come operano i giocatori più ricchi del mondo dell’arte. Ma non tutti sono così preoccupati. “Sì, questo è un gioco per miliardari. Perché dovremmo preoccuparci? Una marea sta sollevando tutte le barche”, ha affermato John Baer a novembre, poco dopo che sono emerse le rivelazioni di Drahi.

Nessuno sa come un miliardario che non paga le tasse possa sollevare la barca di qualcun altro… ma il riconoscimento che la fascia alta del mercato dell’arte è diventata un “gioco” per i super ricchi è qualcosa su cui vale la pena riflettere. Come ha giustamente affermato un corrispondente di calcio del Guardian , descrivendo gli eccessi arroganti dell’apertura della Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar, “Questo è stato il gioco globale nella sua forma finale, uno spettacolo di potere privato a beneficio di un gruppo molto ristretto di persone molto ricche”.

Al momento, i prezzi delle aste di Sotheby’s, Christie’s e Phillips sono sostenuti dalle garanzie sulle vendite fornite da terzi, o dalle case d’asta, o addirittura dagli stessi proprietari miliardari delle case d’asta.
Per Bourron, l’unico modo in cui la fascia alta del mercato dell’arte subirà una correzione seria e visibile è se i terzi interrompono il flusso di garanzie.
“I garanti dovranno scoprire che stanno acquistando opere troppo care”, afferma Bourron. “Ma ci vuole tempo e ci sono troppi soldi sul mercato.»

Ma cosa succede se i più ricchi del mondo sono diventati così ricchi che in realtà non gli importa se pagano più del dovuto per l’arte? E se volessero solo continuare a giocare a questo bellissimo gioco?
Allora il mercato dell’arte non ha più problemi. La società sì.

Collezione da Tiffany è gratuito, senza contenuti a pagamento, senza nessuna pubblicità e sarà sempre così.

Se apprezzi il nostro lavoro e vuoi approfondire ancora di più il mercato dell'arte puoi sostenerci abbonandoti al nostro servizio di rassegna stampa internazionale the artUpdate.

Abbonati ora!

Condividi
Tags

recenti

Le aste di Hong Kong di maggio 2024: un’analisi dei risultati

Le recenti aste tenutesi a Hong Kong nel maggio 2024 hanno offerto uno spaccato significativo del mercato dell'arte asiatico, evidenziando sia successi che delusioni.  Le principali case d'asta,...

Asta Pandolfini: un viaggio tra grandi maestri e tendenze artistiche

La casa d'aste Pandolfini torna ad animare il panorama artistico milanese con un'asta dedicata all'arte moderna e contemporanea, in programma per il 19 giugno...

Il restauro delle opere d’arte, nella prospettiva del diritto

Prima parte Nell'ambito del diritto dell'arte, il tema del restauro delle opere riveste un'importanza cruciale, ponendo al centro della riflessione una serie di questioni di natura...

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter e scarica gratuitamente la guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Iscriviti subito alle news di Collezione da Tiffany e riceverai contenuti esclusivi dedicati al mercato dell'arte e al collezionismo.  

Completa il form e potrei scaricare subito gratuitamente la nuova guida Arte, Fiscalità e Finanza!

Sono un collezionista

Qual è il tuo ruolo nel mondo dell'arte?

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine!